Acqua

A
Le acque sono emblema di vita e di rinnovamento. Foto di NASA 2008

La cinquantaseiesima parola buona è ACQUA.

La giusta disponibilità d’acqua permette di mantenere un buon equilibrio dentro e fuori di noi perché il rapporto tra l’acqua e gli esseri viventi è indissolubile.


Si tratta di un elemento primitivo e, come tale, racchiude in sé un’incredibile forza fisica e simbolica. L’acqua è fonte di preoccupazione quando ce n’è troppa ed è la metafora perfetta del desiderio frustrato quando manca.
É un bel problema quando ne arriva molta in un tempo limitato, come avviene nelle alluvioni o con le tempeste improvvise.


La penuria di oro blu, invece, fa crescere ogni giorno il numero dei conflitti armati.


Mi stupisco a pensare che molte guerre per il controllo idrico non nascono solo nelle zone desertiche e possono essere più vicine di quanto crediamo.Ai confini dell’Unione Europea, in Ucraìna, bombardano e massacrano per avere il controllo sulle acque. È il suolo ad essere intriso di sangue, eppure uno dei principali obiettivi dell’invasione russa é dominare i porti.

A Kiev c’é un enorme porto sul Dnepr, il fiume che divide il Paese da nord a sud, e altre città di cui i nomi in futuro resteranno tristemente famosi, hanno porti importanti sul Mar d’Azov e sul Mar Nero: Cherson, Mariupol’, Mykolaïv, Odessa.


In un tempo in cui l’acqua diventa sempre più occasione di divisioni, nulla di più profetico poteva accadere che la designazione di Procida a Capitale italiana della Cultura per l’anno 2022.La scelta di una porzione di terra circondata dal mare é un potente messaggio lanciato al mondo: l’acqua unisce. È il fuoco, quello degli incendi e quello delle armi, che isola.

La nuova parola buona é ACQUA.

Rispettiamo la grammatica degli esseri viventi quando tuteliamo con decisione i beni comuni essenziali.


TI È PIACIUTA LA PAROLA BUONA? CONDIVIDILA!

Sergio Astori

Chi sono

Sono papà di Giulia e Silvia e marito di Monica, immunologa clinica.
Mi appassiona conoscere ciò che ci anima come donne e uomini, e studio le situazioni di limite che possono offuscare la bellezza delle persone.
Sono cresciuto a Bergamo, poi sono diventato medico a Milano, poi mi sono specializzato a Pavia in psichiatria e psicoterapia, infine ho completato gli studi con un dottorato in Salute pubblica, scienze sanitarie e formative.
Esercito a Milano dove insegno alla Facoltà di Psicologia dell’Universita Cattolica.
Quello che credo in una frase?
In noi l’intelligenza coniugata con la coscienza è una scintilla di infinito che può fare la differenza.