#PAROLEBUONE

Perché #ParoleBuone?

Occorre un supporto per favorire la ripresa del singolo e di una comunità in una fase di crisi. #ParoleBuone vuole essere un servizio di umanizzazione verbale e non verbale da diffondere nei contesti comunicativi più popolari.

P

Home

Perché #ParoleBuone?

Occorre un supporto per favorire la ripresa del singolo e di una comunità in una fase di crisi. #ParoleBuone vuole essere un servizio di umanizzazione verbale e non verbale da diffondere nei contesti comunicativi più popolari.

Le parole buone

Relazione

La quarantaduesima parola buona é RELAZIONE.
Di quando in quando, possiamo riconoscere una stretta relazione tra eventi che, a prima vista, potrebbero sembrare del tutto indipendenti.

Entusiasmo

La quarantunesima Parola Buona è ENTUSIASMO .
Veronica si alza di scatto dalla sedia quando le comunico l’esito del tampone. Sprizza di gioia perché il test è negativo e, quindi, il giorno successivo potrà unirsi ai suoi amici dell’Oratorio in partenza per la vacanza.

Riparazione

La quarantesima Parola Buona è RIPARAZIONE .
Siamo nel 1205. Guidato dai sogni, Francesco ha appena fatto rientro ad Assisi dopo aver rinunciato alla Crociata in Terra Santa.

Dignità

La trentanovesima Parola Buona è DIGNITÀ.
É tempo di domandarci che cosa resterà dell’incontro dell’umanità con il Coronavirus del 2019.

Gusto

La trentottesima Parola Buona è GUSTO.
È notizia recente che a Madrid una ventina di copie a grandezza naturale dei capolavori ospitati al Museo del Prado

#PAROLEBUONE

Sergio Astori

Chi sono

Sono papà di Giulia e Silvia e marito di Monica, immunologa clinica.
Mi appassiona conoscere ciò che ci anima come donne e uomini, e studio le situazioni di limite che possono offuscare la bellezza delle persone.
Sono cresciuto a Bergamo, poi sono diventato medico a Milano, poi mi sono specializzato a Pavia in psichiatria e psicoterapia, infine ho completato gli studi con un dottorato in Salute pubblica, scienze sanitarie e formative.
Esercito a Milano dove insegno alla Facoltà di Psicologia dell’Universita Cattolica.
Quello che credo in una frase?
In noi l’intelligenza coniugata con la coscienza è una scintilla di infinito che può fare la differenza.