#Parole buone

Home

Vuoi sostenere il progetto#ParoleBuone?

Per diventare ambasciatore di #ParoleBuone e sostenere il progetto puoi fare una donazione tramite versamento con bonifico bancario intestato a: Pio Istituto dei Sordi, presso Intesa San Paolo, via Buonarroti – Milano. Numero Iban: IT92H0306901789100000007374; causale: Parole Buone (si prega di inviare una copia del bonifico a progettoparolebuone@gmail.com).

Grazie.


Scopri le Parole Buone nel mondo

Clicca sull’immagine

Le parole buone

Partecipazione

La sessantacinquesima parola buona è PARTECIPAZIONE.
Un giorno lessi sul giornale l’invito ad iscriversi alle liste dei presidenti di seggio. Compilai la domanda e, dopo non molto, mi chiamarono dalla Prefettura per spiegarmi gli adempimenti. 

Accoglienza

La sessantaquattresima parola buona è ACCOGLIENZA.
Nella lunga estate del 2022 le #ParoleBuone hanno iniziato a prendere strade diverse dai social. Le abbiamo accompagnate nei territori di varie regioni, domandando loro di mettere simbolicamente radici nell'intero panorama nazionale.

Mondo

La sessantatreesima parola buona è MONDO.
Il team di parole buone era impegnato verificare fin dove ci siamo spinti con questo progetto comunicativo e il nostro curatore grafico, Lavì Abeni, ha avuto un'idea brillante.

Silenzio

La sessantaduesima parola buona è SILENZIO.
Dieci anni fa é stata pubblicata la Biografia del silenzio di Pablo d’Ors. A molti sarà passata per le mani la traduzione italiana - per i tipi di Vita & Pensiero - del 2014.

Rinascita

La sessantunesima parola buona è RINASCITA.
Per molti mesi abbiamo ripetuto che dopo la Pandemia non ci saremmo fatti mancare occasioni per tornare agli acquisti, per riprendere a viaggiare, per celebrare le feste e prenderci più cura di noi stessi.

Sergio Astori

Chi sono

Sono papà di Giulia e Silvia e marito di Monica, immunologa clinica.
Mi appassiona conoscere ciò che ci anima come donne e uomini, e studio le situazioni di limite che possono offuscare la bellezza delle persone.
Sono cresciuto a Bergamo, poi sono diventato medico a Milano, poi mi sono specializzato a Pavia in psichiatria e psicoterapia, infine ho completato gli studi con un dottorato in Salute pubblica, scienze sanitarie e formative.
Esercito a Milano dove insegno alla Facoltà di Psicologia dell’Universita Cattolica.
Quello che credo in una frase?
In noi l’intelligenza coniugata con la coscienza è una scintilla di infinito che può fare la differenza.