#PAROLEBUONE

Fragilità

F
Our Planet is fragile di @ender.artiste (May 26) @lemuroberkampf


La ventiduesima parola buona è FRAGILITÀ.

Al termine di una conferenza a Bergamo sulla cura dell’umano al tempo del Covid-19, mi é stato domandato se fosse possibile considerare Fragilità una parola buona. Avevo colto nella richiesta i riflessi del disorientamento provato la scorsa primavera nelle regioni sconvolte dal Coronavirus. 

Lo stesso smarrimento che oggi pervade il Paese, attanagliato dalla scoperta delle rinunce che incideranno sulle settimane future.

Quando si subisce l’imposizione di un limite, si può rispondere con freddezza e distacco. 

Ritrovarsi vulnerabili e impotenti può essere seccante e sono molto frequenti gli atteggiamenti egoistici. 

Allora perché considerare Fragilità una parola buona? 

Perché chi ha coscienza dei suoi limiti, alla lunga è più efficace di chi si illude di essere invulnerabile. Gli arroganti e i prepotenti inizialmente riscuotono successo negando le proprie difficoltà e aggredendo chi fatica a vivere, ma presto si ritrovano in un deserto relazionale. 

Chi, invece, riconosce la sua sensibilità, sa gestire le relazioni usando la delicatezza che é necessaria per maneggiare un contenitore su cui sia indicato «fragile». 

Come ha scritto bene Eugenio Borgna, la comprensione degli stati d‘animo e delle fragilità è intuizione dell’indicibile e dell’invisibile. 

La ventiduesima parola buona é FRAGILITÀ.

Il tempo della pandemia ha mostrato le fragilità del mondo intero. Chi riconosce la sua vulnerabilità, supera più facilmente la crisi di chi non sopporta di avere alcun limite.


Video in Lingua dei Segni Italiana (LIS)

[Video traduzione in Lingua dei Segni Italiana (LIS) a cura di Mita Graziano, dottoressa in Psicologia clinica e Interprete LIS]

[Sottotitoli a cura di Vera Arma, CulturAbile Onlus]

[Montaggio a cura di Marcantonio Lunardi]

[Un grazie particolare alla Fondazione Pio Istituto dei Sordi di Milano per l’importante sostegno al progetto #ParoleBuone]


Testo in simboli CAA

[Versione in simboli a cura di Antonio Bianchi, Centro Sovrazonale di Comunicazione Aumentativa di Milano e Verdello, secondo il modello definito dal Centro Studi inbook]

TI È PIACIUTA LA PAROLA BUONA? CONDIVIDILA!

#PAROLEBUONE

Sergio Astori

Chi sono

Sono papà di Giulia e Silvia e marito di Monica, immunologa clinica.
Mi appassiona conoscere ciò che ci anima come donne e uomini, e studio le situazioni di limite che possono offuscare la bellezza delle persone.
Sono cresciuto a Bergamo, poi sono diventato medico a Milano, poi mi sono specializzato a Pavia in psichiatria e psicoterapia, infine ho completato gli studi con un dottorato in Salute pubblica, scienze sanitarie e formative.
Esercito a Milano dove insegno alla Facoltà di Psicologia dell’Universita Cattolica.
Quello che credo in una frase?
In noi l’intelligenza coniugata con la coscienza è una scintilla di infinito che può fare la differenza.