Silenzio

S
Quando lasciamo spazio al silenzio di aprono orrizzonti illimitati. Foto di Daniele Colucci

La sessantaduesima parola buona è SILENZIO.

Dieci anni fa é stata pubblicata la Biografia del silenzio di Pablo d’Ors. A molti sarà passata per le mani la traduzione italiana – per i tipi di Vita & Pensiero – del 2014.


L’autore, saggista, romanziere, critico letterario e presbitero, ha scritto una Trilogía del silenzio composta, oltre che dalla Biografia, anche da L’amico del deserto (del 2009 per Quodlibet dal 2015) e da L’oblio di sé (del 2013, ancora per Vita & Pensiero dal 2016).


Pablo d’Ors ha seguito un preciso processo produttivo. Ha annotato le proprie riflessioni per tre anni, durante i quali si è esercitato quotidianamente nella ricerca del Maestro interiore. Dalle centinaia di pagine ha estratto molte summe e le ha accompagnare con il racconto delle sue fatiche a cominciare ad abitare il silenzio.


Dopo il Covid, che ha incrementato la deprivazione sensoriale, il senso di solitudine e quello di isolamento, e la distanza fisica ed emozionale dagli altri, e il timore di disastri anche ulteriori, ci possiamo domandare se nel 2012 Pablo d’’Ors abbia anticipato profeticamente le difficoltà comunicative degli ultimi due anni e mezzo.


I primi dati epidemiologici dicono che l’isolamento sociale da Covid (chiusura di scuole, luoghi di svago, distanze familiari) ha prodotto un dolore psichico simile solo a quello dei due conflitti mondiali del Novecento.


Per i soggetti più fragili, i più sensibili, i più soli, è stato difficile apprezzare il silenzio. Per molti é difficile trovare una sintesi personale al dilemma se vivere di musica o vivere di silenzio.


Per tutti, è stato necessario comprendere che sia fare musica sia fare silenzio sono un’arte perché tanto il silenzio quanto la musica fanno risuonare i nostri animi.

La nuova parola buona è SILENZIO.

Togliere i rumori esterni, aiuta a trovare la nostra voce profonda e a camminare in coerenza con lei.


TI È PIACIUTA LA PAROLA BUONA? CONDIVIDILA!

Sergio Astori

Chi sono

Sono papà di Giulia e Silvia e marito di Monica, immunologa clinica.
Mi appassiona conoscere ciò che ci anima come donne e uomini, e studio le situazioni di limite che possono offuscare la bellezza delle persone.
Sono cresciuto a Bergamo, poi sono diventato medico a Milano, poi mi sono specializzato a Pavia in psichiatria e psicoterapia, infine ho completato gli studi con un dottorato in Salute pubblica, scienze sanitarie e formative.
Esercito a Milano dove insegno alla Facoltà di Psicologia dell’Universita Cattolica.
Quello che credo in una frase?
In noi l’intelligenza coniugata con la coscienza è una scintilla di infinito che può fare la differenza.